Social Wall

Our social wall

This is Dimora Monsignore’s website. It’s not always about the ‘room’. It’s about the special stories of moments and good memories. A picture is worth a thousand words.
Come travel with us
Facebook
Instagram
La risposta da Instragram non aveva codice 200.
Pinterest
Dimora Monsignore b&B

Dimora Monsignore B&B

Il sogno di un’accoglienza semplice costruita tra il colore e il profumo della mia famiglia: di lenzuola bianche stese al sole, dalla mia mamma, per un letto morbido e profumato per gli ospiti.

Termoli e la sua Cattedrale: un autentico gioiello d’arte medioevale

25 Aprile 2021/Itinerari

Un tesoro nel cuore del Borgo Antico

la Cattedrale di Termoli: un gioiello del romanico

Entrare nel Borgo Antico di Termoli, cuore pulsante di colori e profumi del mare, è un’esperienza di serenità avvolgente da consigliare a tutti. Una visita che mette pace dello spirito, attraverso il godimento della bellezza e dell’armonia.

In questa terrazza naturale, che si affaccia sul mare Adriatico, si apre la stupenda Cattedrale di Termoli dedicata a Santa Maria della Purificazione, che ospita le reliquie dei santi San Basso e San Timoteo.

ermoli e la sua Cattedrale: un autentico gioiello d’arte medioevale

La Cattedrale di Termoli, in mezzo alle case basse della vecchia città, si eleva come un gigante ad attestare la fede e la religione delle passate generazioni, e il genio che, nel secolo XII, nel nostro paese, si librava a voli altissimi e si manifestava in forme architettoniche così elevate, come Dante nel Trecento si esprimeva in nuove forme linguistiche.
La Cattedrale occupa una posizione predominante nel tessuto urbano del Borgo Antico: rivolta ad oriente, secondo le antiche consuetudini e con un significato teologico molto preciso, la maestosità della fabbrica domina e determina tutta la struttura urbanistica. La piazza antistante, gli assi viari che tagliano il tessuto edilizio del Borgo, le vicine piazzette, sono in funzione del tempio, centro propulsore della vita religiosa e civile.

Termoli e la sua Cattedrale: un autentico gioiello d’arte medioevale

La storia e le sue origini

L’edificio datato tra il XII e il XIII secolo ed attribuito ad Alfano da Termoli, sorge su di un’altra chiesa risalente al sec. VI – VII (575 d.C.) anch’essa eretta a sua volta sulle rovine di un tempio pagano dedicato a Castore e Polluce.

REALIZED: XII e XIII sec.
AUTHOR: ALFANO da TERMOLI
CATEGORY: ROMANICO-PUGLIESE

Il nuovo monumento, riedificato per opera di Alfano subì un nuovo incendio nel 1210 da parte di Ottone IV, diretto nelle Puglie con l’intento di sottrarre a Federico II il Regno di Sicilia. Nel 1240 giunsero successivamente i veneziani compiendo un assalto con 25 galee, facendo ricco bottino nella città e apportando sempre gravi danni all’artistica sacra costruzione.

Le reliquie di San Basso e San Timoteo

Un’altra distruzione ci fu nel 1456 in seguito ad un altro terremoto che provocò la caduta del campanile e delle capriate della navata centrale della Chiesa. Nel 1566 i turchi di Pialì Pascià assalirono violentemente la città facendo scempio anche della Cattedrale. In seguito agli eventi catastrofici, fu proprio durante i lavori di restauro, che furono rinvenuti le reliquie di San Basso nel 1760 e San Timoteo nel 1945.

La pianta

All’interno si riesce a cogliere il doppio impianto: la chiesa più antica, parzialmente conservata, sottostante l’impianto dell’attuale chiesa superiore.

La pianta è di tipo basilicale, priva di transetto. Composta da tre navate con absidi, che esternamente presentano archetti pensili binati con esili colonnine, e ripete la scansione della chiesa sottostante.

La pianta della chiesa

La presenza della chiesa più antica determinò, per la realizzazione di quella nuova, la sopraelevazione del pavimento.
Proseguendo, dopo la terza campata, a sinistra, s’innalza la torre campanaria a base quadrata su volta a botte, con copertura a cella ottogonale cuspidata, segue la sagrestia.
La navata centrale è coperta a capriate, mentre le laterali con volte a crociera, con chiave leggermente rialzata.

La cripta e suoi mosaici

Interessantissimi mosaici tricromi (in bianco, rosso e nero), a cm. 92 circa, sotto l’attuale pavimento della chiesa superiore.

In prossimità della terza campata su entrambi i lati, ci sono le scale della cripta, dove sono conservati frammenti scultorei e un prezioso pavimento in mosaico romanico con elementi zoomorfi. Sempre nella cripta è conservata la lapide di pietra datata 1239 che contenevano le reliquie di San Timoteo.

I mosaici
ermoli e la sua Cattedrale: un autentico gioiello d’arte medioevale

Una curiosità

Sulla facciata, sia sul lato destro che sinistro, si possono scorgere delle rette indicanti delle misure greche. La loro funzione era quello di fornire il mezzo di misurazione di stoffe o altro. Esse erano poste dinanzi la Chiesa, perché davanti l’occhio di Dio non si può imbrogliare.

ermoli e la sua Cattedrale: un autentico gioiello d’arte medioevale
© 2012 - 2020 Dimora Monsignore B&B. All Rights Reserved. / C.F.: PTR NCL 69H14Z112L /Events/ Cookie Policy / Custom Design by 2ndself
X
Leggi articolo precedente:
Il 14 maggio il Giro d’Italia 2021 arriva in Molise
Il 14 maggio il Giro d’Italia 2021 arriva in Molise

Chiudi