Social Wall

Our social wall

This is Dimora Monsignore’s website. It’s not always about the ‘room’. It’s about the special stories of moments and good memories. A picture is worth a thousand words.
Come travel with us
Facebook
Instagram
  • *** 3/3 *** #repost from @franzphotographer

Cari amici, è un po’ di tempo che non pubblichiamo qualche foto su Instagram!
Ma quest’estate abbiamo conosciuto @franzphotographer
Tante foto scattate negli angoli più suggestivi di Termoli.
Ve ne mostriamo una … anzi tre foto!
Per tutte le altre, visitate il suo profilo. Grazie Francesco.
  • *** 2/3 *** #repost from @franzphotographer

Cari amici, è un po’ di tempo che non pubblichiamo qualche foto su Instagram!
Ma quest’estate abbiamo conosciuto @franzphotographer
Tante foto scattate negli angoli più suggestivi di Termoli.
Ve ne mostriamo una … anzi tre foto!
Per tutte le altre, visitate il suo profilo. Grazie Francesco.
  • *** 1/3 *** #repost from @franzphotographer

Cari amici, è un po’ di tempo che non pubblichiamo qualche foto su Instagram!
Ma quest’estate abbiamo conosciuto @franzphotographer
Tante foto scattate negli angoli più suggestivi di Termoli.
Ve ne mostriamo una … anzi tre foto!
Per tutte le altre, visitate il suo profilo. Grazie Francesco.
  • Pavimenti di lastre di pietra
e di ciottoli di fiume,
muri di malta e
di arenaria logorati
dal vento di maestrale
e consumati dalla salsedine
di mille tempeste.
  • Camminare per i vicoli del Borgo Antico di Termoli è straordinariamente suggestivo e coinvolgente. 
Sono cunicoli che fendono le vecchie case e si addentrano fra di esse quasi a ferirle nel loro silenzio centenario.
Sono una sorta di piccoli labirinti che nascondono le storie di antiche, innumerevoli generazioni.
  • Quando standovi sotto
si solleva lo sguardo!
In mezzo alle case basse
del Borgo Antico,
si eleva come un gigante
ad attestare la fede e la religione delle passate generazioni.
La Cattedrale di Termoli
  • *** 3/3 ***
L'unica cosa che possiamo fare per darvi modo di comprendere la bellezza del tramonto sulle spiagge di Termoli, è mostrarvi una foto ... anzi tre foto!
  • *** 2/3 ***
L'unica cosa che possiamo fare per darvi modo di comprendere la bellezza del tramonto sulle spiagge di Termoli, è mostrarvi una foto ... anzi tre foto!
  • *** 1/3 ***
L'unica cosa che possiamo fare per darvi modo di comprendere la bellezza del tramonto sulle spiagge di Termoli, è mostrarvi una foto ... anzi tre foto!
Pinterest
Dimora Monsignore b&B

Dimora Monsignore B&B

Il sogno di un’accoglienza semplice costruita tra il colore e il profumo della mia famiglia: di lenzuola bianche stese al sole, dalla mia mamma, per un letto morbido e profumato per gli ospiti.

Un itinerario nell’Alto Molise: Pietrabbondante, Vastogirardi, ed Agnone … con Federico e Sveva!

26 agosto 2018/Itinerari
Un itinerario nell'Alto Molise: Pietrabbondante, Vastogirardi, ed Agnone … con Federico e Sveva!

Il santuario di Pietrabbondante

un’esperienza … quasi spirituale!

Al teatro sannitico di Pietrabbondante, i ragazzi sedettero tutti in fila, con la zia Luciana accanto; Federico, seduto in mezzo, era attento alla spiegazione della guida.

Per quel che riguarda questo viaggio, era da tempo in programma. Ma l’occasione giusta arrivò la sera del loro arrivo nel Bed and Breakfast. Ospiti provenienti dal Lago di Garda, direttamente da Castiglione delle Stiviere con l’idea di organizzare un tour nell’Alto Molise.

E’ un’idea meravigliosa” gli Ospiti erano risoluti ad andare.

Tonia e Nicola, vorreste accompagnarci?” dissero con entusiasmo.

Di tutto cuore” rispondemmo all’unisono.

Fu stabilito di andare l’indomani, in macchina, e di partire alle 8,30 del mattino per non avere il sole ardente lungo il viaggio. Giunsero tutti di buon’ora nella saletta colazione. Anche Giuliano, benchè certe mattine uscisse all’alba e andasse da solo sulla sabbia umida a vedere il mare, rientrò presto con il timore di essere lasciato solo a Termoli.

Un itinerario nell'Alto Molise: Pietrabbondante, Vastogirardi, ed Agnone … con Federico e Sveva!
Un itinerario nell'Alto Molise: Pietrabbondante, Vastogirardi, ed Agnone … con Federico e Sveva!

Al bivio della SS. n.16, percorremmo tutta la Fondo Valle del Trigno, la SS 650, in direzione di Isernia, per poi svoltare sulla SP 15 in direzione di Pietrabbondante. La strada è solitaria, priva di traffico. Il bosco si apre verso gli spazi pascolivi e le masserie alle falde del Monte Saraceno. La vallata del Trigno conquista progressivamente lo sfondo del percorso finché, dopo 2,4 km e un’ultima curva, appare Pietrabbondante adagiata tra le quinte delle Morge, i grandi macigni che ne caratterizzano la scena.

Sveva si voltò sorpresa. Sette persone stavano davanti a lei.

Chiuse il libro che stava leggendo e lo posò su uno sgabello lì accanto, mezzo all’ombra e mezzo al sole. Non era il solito libro, ma bensì un opuscolo di archeologia!

Il Molise, dove ogni pietra respira di storia

Sveva era la guida per la nostra straordinaria esplorazione archeologica dell’area sacra di Pietrabbondante. Entrammo e Sveva cominciò a discendere lungo il viale, lastricato di legno. Proseguì per diversi metri finchè non si appoggiò alla balaustra di ferro e cominciò la sua spiegazione.

L’esperienza mi insegna che molto non conoscono i Sanniti, ma soprattutto non hanno un’idea precisa del sito archeologico di Pietrabbondante!” disse sorridendo.

Pietrabbondante non è una città romana, ma neppure una città sannita! Il sito di Pietrabbondante è al pari di un Santuario religioso; un luogo sacro di raduno delle tribù sannitiche della zona italica” Quello che non riuscivo a spiegarmi era facilità che aveva Sveva di catturare l’attenzione dei visitatori.

Mi restava il sospetto che conosceva ogni pietra di quel posto. Ed infetti aveva trascorso due anni alla campagna di scavi, e Sveva aveva un legame speciale con Pietrabbondante. La nonna viveva in paese a Pietrabbondante, tra le pietre che, in un passato lontano, erano facilmente cavabili dai ruderi dei monumenti, che stavano ammirando.

Ma ogni volta una nuova emozione e ad ogni passo la consapevolezza di essere entrati in una dimensione unica, dove ogni pietra respira di storia, dove i Sanniti hanno voluto costruire un mondo prezioso

Ogni giorno, proprio qui in Molise, vedo cose che non mi sarei mai sognato di vedere!” disse Antonella

Oggi chi visita l’area archeologica e si siede sugli straordinari sedili ergonomici, dallo schienale sagomato del suo teatro rivive antiche emozioni di fronte a un immenso panorama di colli che si alzano sulle valli del Verrino e del Trigno.” continuava a spiegare Sveva.

Abbondonate le contrade di Pietrabbondante, ci risuonava alla mente ancora le parole di Sveva “Un popolo capace di costruire ed ideare architetture così complesse, non può essere solo un popolo di allevatori di bestiame, ma anche un popolo di artigiani ed ingegneri, patroni dell’arte del costruire.

E’ vero” disse Federico “I Sanniti furono genti straordinariamente attivi, laboriosi e tenaci, ma quanto mai bellicosi, i quali rimasero famosi nella storia d’Italia per le loro imprese eroiche”.
Ma purtroppo la storia viene scritta dai vincitori.” si udì una voce in fonte al gruppo.
Siamo un popolo di sconfitti, non ci siamo ancora ripresi dalla battaglia persa ai tempi dei romani” in effetti

Un itinerario nell'Alto Molise: Pietrabbondante, Vastogirardi, ed Agnone … con Federico e Sveva!
Un itinerario nell'Alto Molise: Pietrabbondante, Vastogirardi, ed Agnone … con Federico e Sveva!

Riserva naturale Collemeluccio

Lasciato il sito archeologico, con la nostra carovana svoltiamo a destra, in leggera discesa, in direzione di Pietrabbondante.

Ci infilammo nella selva della Riserva naturale Collemeluccio, per sfociare nel Piano di Staffoli.

Una zona pianeggiante, a quota 1050 metri di altitudine, tra le Riserve Mab dell’Unesco di Collemeluccio e Montedimezzo, dominata da spazi verdi, boschi ed aria pulita.

La località di Staffoli nel comune di Agnone in Molise è sinonimo di agriturismo ed equitazione.
Dopo una breve sosta, siamo pronti e decisi a visitare l’antico borgo medievale di Vastogirardi, per poi raggiugere Agnone.

Un percorso ad anello che conduce il camminatore sulle strade della storia del Molise, mescolando il verde della riserva naturale Mab, le tracce dell’antico Tratturo Celano – Foggia e l’eredità dei Sanniti. Una passeggiata per riconciliarsi con il creato.

Ma questa è un’altra storia!

Comments

comments

© 2012 - 2018 Dimora Monsignore B&B. All Rights Reserved. / C.F.: PTR NCL 69H14Z112L /Privacy/ Cookie Policy / Custom Design by 2ndself
Leggi articolo precedente:
Parcheggio a Termoli vicino all’imbarco per le Isole Tremiti.
Un parcheggio comodo a Termoli vicino all’imbarco per le Isole Tremiti

Chiudi